21 luglio 2018
Diventa SmartTrader Abbonati
Accesso riservato
  Recupera dati accesso
Login login
Clippings menù
  Per inserire un articolo cliccare sull'icona Clipping accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
Clip login
Gli articoli più letti:
febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017
L'impiego del CESI nell'allocazione di portafoglio
di redazione - 12/06/2018
«I mercati finanziari non sono condizionati dalle notizie "buone" o "cattive". L'importante è che siano "migliori" o "peggiori": rispetto alle precedenti aspettative degli economisti. Si ottengono così indicatori che misurano costantemente la capacità di far meglio o peggio delle previsioni. Questi indici si rivelano utilissimi nell'allocazione del portafoglio azionario».
 
Azionario > Wall Street
S&P: sotto quota 2700, cento punti di perdita
di Bernie Schaeffer* - 05/07/2018

Trovo interessante una circostanza maturata la scorsa settimana, a proposito della scadenza delle opzioni settimanali sullo SPY, il popolare ETF sullo S&P500. Il rimbalzo del mercato dai minimi ha comportato la scadenza senza valore di una valanga di opzioni put, al pari di un consistente numero di opzioni call dalle basi troppo elevate: 275, 279 e 280 dollari. I Tori sono sfuggiti ad un potenziale sell-off da delta hedging quando lo SPY ha accennato lo sfondamento dei 270 dollari fra mercoledì e giovedì. In effetti il rimbalzo dai minimi è stato alimentato dallo smantellamento di posizioni corte associate alle posizioni aperte in put. Da notare come l'avanzata si è interrotta quando lo SPY si è posizionato ben sopra le basi put, a ridosso delle resistenze rappresentate dagli eccessi di opzioni call.


Sicché se quota 2740 punti di S&P non dovesse essere superata in tempi brevi, gli analisti tecnici incominceranno a parlare di potenziale testa e spalle, con la neckline posizionata a 269 dollari di SPY. La perdita di questa soglia condurrebbe a 260 dollari, pari a 2600 punti di indice sottostante.
In prossimità di questa base si trovano 170 mila opzioni put per scadenza luglio: è la base put più affollata. Un supporto, e al tempo stesso una calamita per i prezzi, dovesse cedere quota 2600 punti.
Nel frattempo la media a 10 giorni del put/call ratio azionario ha svoltato verso l'alto, implicando che l'ottimismo che ha preceduto la riunione del FOMC, si sta tramutando ora in pessimismo. Il rischio è che questa negatività sia soltanto l'antipasto.


* Todd Salamone per Schaefferresearch.com




Per favore, dai un voto a questo articolo:
Eccellente Buono Sufficiente Mediocre Scarso
Vuoi essere informato sull'uscita di nuovi commenti su smartTrading?
Clicca qui: riceverai tutti i giorni, gratuitamente, l'analisi tecnica dell'indice Mibtel e il sommario delle analisi postate su sT.