Wall Street
Dieci settori per chi comunque rimane ribassista

L'indice S&P 500 (SPX) è sceso di circa il 20% rispetto al picco di inizio anno. Da allora, solo un settore ha registrato un rendimento medio positivo tra i suoi titoli. Non sorprende che si tratti del settore del petrolio e del gas e del carbone. Questa settimana analizzerò i 45 settori da noi monitorati ed elencherò quelli che hanno registrato le performance migliori e peggiori dal picco del mercato. Mostrerò anche i settori su cui gli analisti hanno cambiato maggiormente opinione. Infine, elencherò i settori in cui esiste una dicotomia tra l'andamento e il cambiamento di opinione degli analisti. Questo dovrebbe darci qualche idea su quali settori offrono maggiori opportunità in futuro.
La prima tabella elenca i 10 settori con la più alta percentuale di titoli al di sopra della loro media mobile a 80 giorni. Ho già menzionato il primo settore della tabella, quello energetico. È l'unico settore che ha registrato una performance positiva dall'inizio dell'anno. Gli altri settori sono quelli che hanno resistito meglio. Il settore delle assicurazioni sulla vita attira la mia attenzione. Ha resistito relativamente bene secondo questa misura, eppure gli analisti sono passati da ribassisti a sempre più ribassisti. Al picco del mercato, il 39% delle raccomandazioni degli analisti era favorevole all'acquisto. Attualmente, solo il 30% delle raccomandazioni è buy. Come contrarian, ritengo che un'azione di prezzo positiva con un sentiment ribassista porti generalmente a risultati rialzisti.

La tabella successiva mostra i settori con la percentuale più bassa di titoli al di sopra della media mobile a 80 giorni. Gli analisti sembrano troppo rialzisti sui primi due settori. I due settori, quello degli investimenti immobiliari e dello sviluppo dei servizi e quello delle energie alternative, mostrano che gli analisti sono rimasti rialzisti dall'inizio dell'anno nonostante rispettivamente solo il 12% e il 14% dei titoli si trovi al di sopra della media mobile a 80 giorni. Si tratta di settori su cui potrei puntare per le operazioni short.

Infine, utilizzerò queste due statistiche, la percentuale di titoli al di sopra della media mobile a 80 giorni e la variazione dei voti degli analisti, per elencare i settori in cui esiste una dicotomia tra l'andamento dei titoli e il cambiamento delle opinioni degli analisti su di essi.
La prima tabella mostra i settori in cui almeno la metà dei titoli è al di sopra della media mobile a 80 giorni, ma gli analisti sono diventati più ribassisti. In base alla nostra filosofia contrarian, mi aspetto che questo tipo di situazione abbia implicazioni rialziste.

Naturalmente, di seguito è riportato un elenco di settori con un setup contrarian ribassista. Si tratta di settori in cui l'azione dei prezzi è stata scarsa (pochi titoli al di sopra della media mobile a 80 giorni) ma su cui gli analisti sono più rialzisti. Nello specifico, si tratta dei settori con meno del 40% di titoli al di sopra della loro media mobile con il maggior aumento della percentuale di acquisti (o il minor calo, dato che non ci sono dieci settori in cui gli analisti sono più rialzisti).

Presidente della Schaeffer's Investment Research, Inc, e autore di "The Option Advisor", un best seller nel settore delle opzioni, di cui esiste dal 1981 una newsletter omonima. Continua...